Corse dai mus

Il paese di Galleriano nella sua storia è stato accompagnato dalla presenza dell’asino: il Mus. Fino agli anni sessanta in molte famiglie era una presenza necessaria e costante nel lavoro dei campi. Un animale di poche pretese e di tanta fatica era ideale in una situazione di miseria e di emigrazione presente da sempre in paese. Queste le premesse per dire che a Galleriano con i Mus ci sapevano fare e non solo in campagna: se andiamo infatti a spulciare l’albo d’oro della corsa degli Asini di Fagagna scopriamo che il primo vincitore nel 1891 fu Vincenzo Pinzani di Galleriano. E’ chiaro che la tradizione conta.

Fino ai primi anni ‘60 durante la festa del Perdòn, dopo la processione con la statua della Madonna che si svolgeva alle ore 15 (?? - sì alle 3 del pomeriggio sotto il sole di fine agosto) si passava al momento ludico con giochi popolari come la cuccagna, il tiro alla fune, la corsa degli asini etc. Non sempre, ma nelle annate migliori, i festeggiamenti si concludevano con dei piccoli fuochi di artificio o girandole piantate nel terreno attorno alla chiesa.

Questa tradizione si è mantenuta fino all’anno in cui è arrivato l’asfalto e con esso un certo benessere che ha diradato e a poco a poco fatto sparire dai cortili i nostri amati “Mus”.

La memoria dei più anziani ricorda ancora quei tempi: ognuno correva con il suo asino e se serviva qualche legnata per convincerlo non si andava molto per il sottile. Si ricorda in proposito una corsa in cui il padre stava correndo sull’asino ed il figlio minore lo seguiva con un bastone (un “stadei”); nella curva di fronte al “Bar di Deri” (ora “Bar da Giada”) improvvisamente il Mus si pianta: arriva in corsa il figlio e stampa una legnata che invece di colpire il Mus colpisce e ribalta il padre.

Il Mus si muove ed il figlio salta sul Mus e via verso la vittoria incurante del padre che geme per la bastonata.

Erano delle gare senza tante regole dove il Mus più forte, con le buone o con le cattive, vinceva. Nelle foto vediamo le immagini della ultima gara con il vincitore Primo Pellizzer. Non servivano transenne, sabbia, balle di paglia o veterinari.

Il tempo scorre e a Galleriano sono accadute molte altre cose: a dare colore alla storia del paese, tra gli alti e i bassi nel momento aggregativo, dopo la metà degli anni Duemila si è creato uno spirito nuovo di collaborazione che ha portato una ventata di novità e fatto sorgere delle idee originali come la riproposizione della Corse dai Mus.

Riproposizione che non vuole essere solo recupero di una memoria storica ma anche valorizzazione di un animale umile e generoso quale emblema di tutte le persone che dedicano tempo e passione per il bene del paese. In prima battuta l’idea pareva quantomeno utopistica: la chiusura della piazza, la disposizione della sabbia sull’asfalto, i Mus da “ingaggiare”, etc … ma la volontà supera anche le montagne e così nel 2009 si è realizzata quella che a ragione possiamo ben dire era una scommessa per l’intera comunità di Galleriano.

Il paese viene diviso in sei borgate: Via Asmara, Via della Viuzza, Via Trieste, Piazza S. Martino, Via Gorizia e Via S.Giovanni. Ognuno con i propri colori, il proprio stemma e due fantini a disposizione che cavalcano a pelo gli asini tirati a sorte. Questo perché la “Corse dai Mus” di Galleriano vuole essere un momento aggregativo, popolare, di divertimento e tutt’altro che agonistico. Un successo oltre ogni previsione che ci porta dopo solo un anno a confrontarci in televisione con una storia centenaria riguardo ai Mus come Fagagna. L’Amministrazione Comunale mette in palio un “trofeo” che verrà assegnato al borgo che si aggiudica la gara per tre volte (un po’ come succede per la Coppa del Mondo di Calcio).

Già dal secondo anno il confronto si allarga alla dimensione comunale (vengono coinvolte tutte le sei frazioni del Comune di Lestizza). Questo è l’albo d’oro:

 

                                                                                   2009              vince Piazza S. Martino Martino con Marco Roman

                                                                                   2010              vince Borgo S. Giovanni  con Angelo Cagnin.

                                                                                                                La Comunale a S.Maria con Raffaello Marangone

                                                                                   2011              vince Borgo S. Giovanni con Vittorino Gallo

                                                                                                                 La Comunale a Nespoledo con Elvis Cossetti

                                                                                   2012              Gara annullata causa maltempo

                                                                                   2013              vince Borgo Trieste con Thomas Gallo 

                                                                                                                 La Comunale a Nespoledo con Paride Bassi

                                                                                   2014              vince Borgo Asmara con Michele Paquola

                                                                                                                 La Comunale a S. Maria con Gianluca Ecoretti